Cogal
 
...YOUTHSTART DESERT II
 

Il progetto rientra nell’ambito dell’iniziativa comunitaria "Occupazione e valorizzazione delle risorse umane" II Fase - decisione n. C (97) 672 dell'11.4.97.
Il progetto è stato approvato dal Ministero del Lavoro e Massima Occupazione con decreto del Dirigente Generale n. 105031C del 26 febbraio 1998.
Le attività previste sono in corso di realizzazione.

Il progetto prevede:

  • una ricerca sulle dinamiche del mercato del lavoro con particolari riferimenti ai settori: Artigianato e Servizi;
  • l'attivazione di un centro d'assistenza e sostegno all'imprenditoria e al lavoro autonomo giovanile.

La ricerca è finalizzata ad individuare gli spazi di mercato per quanto concerne le opportunità di inserimento occupazionale autonomo e imprenditoriale dei giovani.
L'obiettivo è quello di indirizzare l'offerta di imprenditorialità e di occupazione autonomo di giovani verso spazi che saranno individuati. Il "Centro di assistenza e sostegno per l'imprenditoria e lavoro autonomo giovanile" è collocato all'interno del territorio della provincia di Vibo Valentia ed ha la funzione di analizzare l'offerta imprenditoriale ed occupazionale giovanile. Il Centro consente ai giovani che dimostrano potenzialità nel lavoro autonomo di seguire un percorso assistito e sostenuto da valutazioni e da "Sperimentazioni" delle proprie capacità e delle proprie potenzialità, in funzione delle opportunità che avranno individuato o che ad essi saranno presentati.

 
         
COMUNICATO STAMPA

E' stato presentato lunedì 27 Aprile alle ore 10,00 presso la sala conferenze della Camera di Commercio di Vibo Valentia il progetto "YOUTHSTART – DESERT 2" opportunità occupazione per i giovani in provincia di Vibo Valentia.

Il progetto è stato presentato dal CO.G.A.L. Monte Poro (Consorzio Gruppo Azioni Locali) e finanziato dalla Unione Europea.

Il progetto occupazione giovani, amplia le attività del CO.G.A.L. Monte Poro che sta già attuando il progetto LEADER II finalizzato alla valorizzazione delle produzioni locali, dell’artigianato, del turismo, del turismo rurale, dell’agriturismo e alla difesa ambientale.

Il progetto occupazione giovani si rivolge ai giovani al di sotto dei 20 anni che vivono una condizione socio-professionale caratterizzata da genericità delle proprie competenze e mancanza di riferimenti per quanto concerne i percorsi per inserirsi nell’ambito occupazionale.

Il progetto si propone di contribuire a diffondere nel territorio strumenti di informazione necessaria al superamento di situazioni che generano perdita di opportunità di lavoro.

Inoltre, raccogliendo la domanda di assistenza tecnica si punta a far avanzare una nuova visione del lavoro e dell’agire imprenditoriale che è l’elemento cardine per evitare l’affollamento di quella parte del mercato del lavoro ormai satura.

In altri termini il progetto YOUTHSTART si propone di promuovere, attraverso azioni di stimolo rivolte ai giovani, lo sviluppo di nuove attività compatibili con le caratteristiche del mondo rurale e che interessano il settore agricolo, quello artigianale, turistico e dei servizi.

Si intende favorire la nascita di ditte individuali, imprese agricole, piccole società di persone, cooperative nelle quali i giovani possono svolgere un ruolo centrale.

Attuato il progetto i risultati possono generare la riproduzione del modello di intervento proposto, in quanto si verrebbe a creare un nucleo di nuovi operatori economici che nasce valorizzando le risorse e le produzioni locali.

Inoltre può rappresentare per altre aree territoriali un riferimento importante per quanto riguarda la possibilità di trasferimento di metodologia e capacità gestionali fra soggetti che hanno finalità, organizzazioni e funzioni diverse sul territorio.

Il progetto YOUTHSTART si propone anche di proseguire l’esperienza DESERT I anch’esso in fase di realizzazione che sta registrando risultati positivi in quanto è riuscito, attraverso l’attivazione sul territorio di servizi per lo sviluppo occupazionale e per la crescita culturale dei giovani, a catalizzare l’attenzione dei soggetti locali sulle problematiche specifiche di una particolare componente della popolazione, quella appunto dei giovani sotto i 20 con scarsa possibilità di inserimento nel mercato del lavoro.

Infine YOUTHSTART prevede la cooperazione transnazionale con altre esperienze che si realizzano in Spagna e Portogallo.

La cooperazione transnazionale consentirà un confronto con iniziative analoghe, in termini di sperimentazione, metodologie e procedure per la creazione di nuova occupazione.

Dagli scambi che si avranno, ogni partner riceverà informazioni e spunti utili ad evitare azioni poco incisive e prive di possibilità di successo.

Con la presentazione del progetto YOUTHSTART si passa alla fase operativa.

[up]

 
       
 
COMUNICATO STAMPA

Nei giorni 15,16 e 17 giugno 1998, presso la sede operativa del CO.G.A.L. Monte Poro, in Spilinga via della Resistenza, si terrà il secondo incontro transnazionale sul progetto Youthstart-Desert II.

Il progetto Youthstart, già presentato presso la Camera di Commercio il 27/04/98, si propone di realizzare nuovi posti di lavoro attraverso l’assistenza tecnica ai giovani al di sotto dei venti anni.

Collaborano al progetto Desert II i partners spagnoli e portoghesi.

Di notevole rilievo si presenta l’incontro con i partners europei che collaborano al progetto. Esso è espressione del superamento delle tendenze nazionaliste e del ruolo positivo che la cooperazione fra popoli realizza. Questa sinergia di forze ha consentito di dare una risposta ai bisogni sociali, comuni ai diversi popoli interessati all’iniziativa, capace dunque di produrre e generare utilità sociale; prospetta altresì la possibilità di un’economia diversa, più equa e solidale. L’evento può ben considerarsi di rilievo culturale e sociale, dà infatti la possibilità e l’opportunità di incontrarsi, e insieme di crescere e farsi conoscere dalla società civile.

L’incontro si propone di confrontare le azioni intraprese da ciascun partner in materia di inserimento dei giovani e più precisamente:

Analizzare la situazione socioeconomica e le cause della disoccupazione giovanile nelle provincie di Vibo Valentia, Almeria, Jaén e Moura.
Scegliere i criteri per la selezione dei giovani beneficiari dei progetti.
Determinare la metodologia per l’accompagnamento all’inserimento lavorativo.
Al fine del perseguimento degli obbiettivi e della sensibilizzazione sulle tematiche sopra evidenziate, si svolgerà un incontro con i rappresentanti dell’Amministrazione Provinciale di Vibo Valentia, con i Sindaci di alcuni Comuni dell’Area interessata al progetto ed una visita presso alcune aziende del settore turistico ed agricolo.

[up]

 
 
 
     
GIOVANI IMPRENDITORI A CONFRONTO

A conclusione del progetto Youthstart Desert II, si è svolto nei giorni scorsi presso la camera di commercio un incontro sul tema: " I giovani imprenditori raccontano ". Il progetto Youthstart Desert II ideato dal CO.G.A.L. Monte Poro (gruppo di azione locale) nell’ambito di una specifica iniziativa comunitaria, rivoltà alle opportunità di occupazione per i giovani vibonesi, si è avvalsa nella fase di attuazione della preziosa collaborazione della società Promidea.

Il progetto, avviato nell’aprile del ’98, si proponeva un ambizioso obiettivo: creare opportunità lavorative per almeno 10 giovani, oltre alla costituzione di almeno una piccola impresa a maggioranza di giovani.

I lavori, presieduti da Vittorio Miceli in rappresentanza del CO.G.A.L., sono stati aperti da Carmine Federico responsabile tecnico del progetto, che si è dichiarato soddisfatto dei risultati nell’ambito dell’iniziativa.

Cinque le società costituite, con 10 giovani occupati di età compresa nei 18 anni, e cinque nel target al limite dei 35 anni. Un risultato di tutto rispetto in una provincia, dove, iniziative di assistenza ed orientamento al lavoro, mirati alla formazione di piccole imprese erano e sono una novità. Sono state valutate circa 300 idee, di queste sono state selezionate cinque imprese che hanno ricevuto un contributo di seimila euro.

Sempre Carmine Federico, a prospettare ed auspicare la creazione di " incubatori di impresa ", strumenti, in grado di accompagnare nelle fasi successive le neo imprese, fino a raggiungere la completa autonomia.

Concetto, questo, fatto suo dal presidente della camera di commercio Antonio Bilotta presente all'incontro, il quale, si è dichiarato disponibile, a favorire la veicolazione e la presentazione di queste neo imprese.

Significative le testimonianze dei rappresentanti delle imprese costituite in ambito provinciale: Lucia Loiacono, amministratore delegato della "Lo.Ar. Poro"che opera nel settore dei prodotti tipici, così come per Rinaldo Tedesco rappresentante di "Vita Rurale" con sede in Fabrizia, settore dei servizi per il turismo rurale, hanno espresso positivo giudizio sull'attività dello sportello di orientamento giovani, un'iniziativa sicuramente nuova per la nostra provincia che ha incontrato il favore dei giovani. Sulla stessa onda le testimonianze di Emilio Procopio rappresentante della società "La perla del golfo" settore dei prodotti ittici, con sede in Ionadi, e Giuseppe Storace rappresentante della "Aesse due" con sede in Vibo, settore informatico, i quali hanno espresso un giudizio positivo sulla metodologia di selezione dello sportello Youthstart, con particolare apprezzamento nell'iter di valutazione dell'idea imprenditoriale, degli stage formativi svolti presso paesi della comunità europea, in aree simili alla realtà calabrese. Spiritosa, ma significativa la battuta di esordio dell'amministratore delegato della "Penta Services" di Vibo settore progettazione e assistenza alle imprese, Domenico Cortese: "siamo in quattro ci chiamiamo penta" in segno di apertura verso nuovi soggetti che vogliano unirsi in questa avventura della Penta Services, una mentalità aperta che si affaccia nel mondo difficile dell'imprenditoria.

[up]